Caravaggio e la Fuga

In occasione della riapertura degli interni restaurati e dei giardini di Villa del Principe, la Società Arti Doria Pamphilj è lieta di presentare la grande mostra “Caravaggio e la fuga. La pittura di paesaggio nelle Ville Doria Pamphilj”. Circa ottanta opere, di cui molte inedite, che documentano il mecenatismo della celebre dinastia genovese-romana, caratterizzato dalla costruzione e allestimento di magnifiche ville extraurbane, divenute oggi monumenti nazionali: l’antica villa marittima di Pegli a Genova, la famosa villa al Gianicolo detta del Bel Respiro, i casini d’Anzio e Nettuno, la villa fluviale a Trastevere conosciuta come Ripa Grande, quella dei Castelli romani ad Albano.

I quadri esposti in mostra sono quindi elaborati cicli pittorici commissionati per ornare queste splendide ville e costituiscono una tra le più straordinarie collezioni di paesaggi al mondo, comprendente opere di Momper, Bril, Grimaldi, Anesi, Swanevelt, Van Bloemen e molti altri maestri.

Ad introdurre le opere presenti, il celeberrimo capolavoro giovanile di Caravaggio, la Fuga in Egitto, unica opera dell’artista lombardo che comprenda un brano significativo di paesaggio, originariamente parte dell’arredo di uno dei Casini della villa al Gianicolo.

Fa da appendice alla mostra una serie di foto d’autore dell’artista contemporanea Lala-Meredith Vula. Intensi scatti in bianco e nero sul tema dei quattro elementi, pensati per essere accolti nella nuova residenza extraurbana della famiglia: il Rifugio Floridi Doria Pamphilj montano a Guarcino. Rivive così il sogno antico di fuggire dalla civiltà urbana moderna che, scomparsa la civiltà agricola, domina, oggi ancor di più, i paesaggi della società contemporanea.

Orario: tutti i giorni dalle 10 alle 17.

Ingresso: intero 12 euro - ridotto 9 euro - scuole 7 euro.

Informazioni e prenotazioni: prenotazioni.ge@dopart.it - tel.010/255.509

Comunicazione: Art Attack Adv

Catalogo: Silvana Editoriale

Ufficio stampa: Studio ESSECI – Sergio Campagnolo