Jacopo da Ponte,
detto Bassano

Paradiso terrestre

77 x 109 cm; olio su tela (FC 585)

Dipinta tra il 1568 e il 1576, la scena illustra Adamo ed Eva nel Paradiso Terrestre circondati da animali. Nel paesaggio visto in lontananza è stato identificato un panorama realmente noto al pittore. La rustica serenità del luogo, ha un tono quotidiano tipicamente Bassanesco, il cui linguaggio offrì poche concessioni alla retorica, assumendo accenti latamente protestanti. Il respiro autonomo del paesaggio e i tratti realistici degli animali denotano un carattere innovativo, che trova paralleli solo nell’esperienza nordica contemporanea di Jan Brueghel. Le figure di Adamo ed Eva vengono in genere assegnate alla mano di Jacopo, mentre il resto potrebbe essere del figlio Francesco, che in quell’epoca già collaborava con la bottega paterna. La collezione Pamphilj raccolse un gran numero di quadri Bassaneschi, diversi dei quali si conservano tutt’oggi.

Guarda l’immagine completa »